Pomacchi (Bulgaria)

POMACCHI, LA SPOSA DIPINTA (Bulgaria)

Nella città di Ribnovo, in Bulgaria, ogni inverno si ripete un’antica tradizione. I matrimoni dei Pomacchi,.bulgari musulmani che vivono al confine con la Grecia sui Monti Rodopi, sono celebrati infatti tra novembre e febbraio. E’ un rituale che dura per due giorni. Processioni, banchetti, feste di gruppo in piazza e la danza tradizionale detto “horo”. Prima della cerimonia vera e propria, la promessa sposa viene truccata con una crema bianca e dei lustrini colorati trasformandola in “ghelina” (sposa) circondata dalle sole donne della sua famiglia. Fuori, il paese in festa attende la donna ed il suo futuro marito, appoggiando i propri doni di nozze accanto alla dote che viene lasciata in mostra davanti a casa. La donna durante la processione porta in mano uno specchio, la tradizione vuole che non potendosi più voltare indietro possa, soltanto attaverso il riflesso dello specchio, guardare ancora la propria casa natìa mentre se ne allontana per sempre.

In the city of Ribnovo, in Bulgaria, every winter is repeated an ancient tradition. The marriage of the Pomaks. They are Bulgarians of Muslim religion and they live on the border with Greece Rhodope Mountain. Marriages of the Pomaks are celebrated only from November to February. It is a ritual that lasts for two days. Processions, banquets, group in the square and the traditional dance called “horo”. Before the closing ceremony, the bride is made up only by the women in her family with a white cream and colorful sequins transforming her into “ghelina” (bride). Outside, the country party awaits the woman and her future husband. The guests leave their wedding gifts to the bride’s dowry that is left on show in front of the house. The woman in the procession clutching a mirror. Tradition has it that she can no longer more looking back. Spread across only the reflection of the mirror the woman will look even his birth place while it has gone away forever.