Csàngò (Romania)

CSÁNGÓ, LE RADICI NEL VENTO (Romania)

Un’antica minoranza ungherese, di religione cattolica, rischia l‘estinzione nella moderna Romania ortodossa. Sono gli Csángó, eredi della conquista magiara della Moldavia romena nel Medioevo. Gli Csángó hanno conservato una lingua che, pur influenzata da tratti slavi e romeni, si presenta come una sorta di ungherese arcaico. Una minoranza perseguitata, come spesso accade, più volte sull’orlo della scomparsa. Il territorio abitato oggi dai Csángó è sempre stato la porta d’oriente per gli Europei. Qui passa la grande steppa eurasiatica che – come una grande autostrada di popoli e culture – collega la Cina alla Pianura Ungherese. Una situazione che potrebbe cambiare se agli Csángó venisse riconosciuta la piena cittadinanza, il diritto di usare liberamente la loro lingua e di esprimere la loro cultura.

An old Hungarian minority, of Catholic religion, is facing extinction in the modern Orthodox Romania. Csángó are the heirs of the Magyar conquest of Romanian Moldova of the Middle Ages. The Csángó of the thirteenth century have preserved a language which, although influenced by Slavs and Romanians, still sounds as a kind of archaic Hungarian. here begins the great Eurasian steppe which – as a great highway of peoples and cultures – links China to the Hungarian Plain. Nowadays the traditional villages are becoming increasingly rare and are isolated by the government.